Il perchè del 1° Convegno per la prevenzione e la promozione della cultura della salute mentale : Inbilico

20/11/2010 - 14:00
20/11/2010 - 18:30
foto bilico.jpg

Sensibilizzare alla prevenzione e formare una nuova cultura  della salute  mentale, abolendo i pregiudizi a riguardo, questo è  l’obiettivo del progetto “InBilico”, creato per lanciare un  messaggio incisivo: la salute mentale è una componente centrale del capitale umano e riguarda tutti noi!   Il progetto nasce dalla collaborazione tra l’associazione Stop Solitudine  ed il Centro Servizi per il Volontariato di Novara.

Betty Balzano, presidente dell’associazione “Stop Solitudine”, spiega il progetto. Perché è importante oggi parlare di salute mentale? <<Ci troviamo in un momento storico molto delicato dove  il diffuso  “mal di vivere”, la crisi economica/familiare, la solitudine, i numerosi conflitti stanno producendo gravi danni a livello psicologico. I tragici fatti di cronaca nera, l’aumento degli atti di violenza, delle dipendenze (anche da gioco), dell’abuso di sostanze e del consumo di psicofarmaci lo dimostrano. Le patologie mentali comportano inoltre costi significativi che gravano non solo sul settore sanitario, penale e giudiziario ma sono causa di prepensionamenti, assenze dal lavoro e pensioni d’invalidità. Non possiamo più permetterci di stare a guardare! Per prevenire le problematiche  legate al disagio relazionale, affettivo, personale e sociale riteniamo  fondamentale cercare di produrre un cambiamento culturale che promuova  innanzitutto la consapevolezza dell'importanza del benessere  psichico . Pensiamo sia necessario, per abolire i pregiudizi e le reticenze a riguardo, favorire un nuovo e migliore modo di concepire la salute mentale  che parta dalla diffusione di messaggi costruttivi ed informazioni  adeguate e meno stigmatizzanti.
 
>>. Chi sono i destinatari del vostro appello? <<La salute mentale è un tema che riguarda tutta la cittadinanza, perché la salute è un bene comune e anche l’OMS dichiara che non c’è salute senza salute mentale! Benessere psichico e benessere fisico sono due aspetti imprescindibili l'uno dall'altro. Vorremmo rivolgerci  alle persone comuni perché  chiunque può vivere un evento stressante od essere sottoposto ad una tensione emotiva,(malattie importanti, proprie o di congiunti), ad esperienze frustranti (superlavoro, mobbing, disoccupazione)o dolorose (lutti, separazioni)  ed avere difficoltà ad adattarsi  o a gestire le fonti di stress senza prolungate disfunzioni.  Il nostro intento è di  far sorgere domande ed aiutare a riconoscere ed ascoltare i campanelli d’allarme che il corpo/mente inviano prima che il malessere degeneri in  patologia .
E’ normale trovarsi in situazioni di disagio psicologico? << Molte volte può capitare che situazioni particolarmente stressanti o problematiche si sommino a disagi  preesistenti. E’ del tutto normale ed umano trovarsi in difficoltà  e ed altrettanto normale e comune deve divenire il parlarne, il chiedere aiuto od un sostegno anche emotivo se la situazione rischia di compromettere la qualità della vita ed il benessere psichico.

>>.  Cosa si deve fare in questi casi? <<Innanzitutto  il riconoscimento e l’accettazione del problema è già  un buonissimo inizio. La  volontà di tornare a stare bene e la ricerca di una soluzione dovrebbero portare sulla” giusta via”  In questo caso “ Il bilico  esistenziale  può  divenire un’occasione di rinascita, l’adattamento positivo ,il punto di partenza per il superamento del malessere.  Questi temi saranno al centro del convegno “InBilico”, in programma sabato 20 novembre a Novara;
 
 
Gli obiettivi saranno:
*Sensibilizzare, informare, orientare verso una cultura del benessere psicologico e dell’importanza della salute mentale per raggiungere obiettivi di  maggior coesione sociale e  crescita economica sostenibile a lungo termine.
  *Aiutare  a superare incertezze e dubbi ed orientare verso una miglior comprensione di qualche problematica personale altrimenti non identificabile*Incentivare e promuovere una cultura della salute mentale intesa come potenziamento del benessere e della qualità della vita, ma anche come prevenzione delle problematiche di disagio relazionale, affettivo, personale e sociale, oggi in rapido aumento
*Indurre a porsi domande ad ascoltare e a riconoscere  i segnali del disagio per riuscire ad agire tempestivamente. Il disagio fa parte della nostra vita , è normale non va ignorato ma risolto!
*Diffondere informazioni di qualità sulla salute mentale  per cercare di produrre un cambiamento culturale e promuovere un nuovo e più positivo modo di concepire la salute psicologica